C

  1. càboļa = bugia.
  2. cabiòto = gabbia.
  3. coboļón = bugiardo, fanfarone.
  4. caéna = catena.
  5. caenasso = catenaccio.
  6. cafetièr = caffettiere.
  7. caìa = spilorcio.
  8. caìcia = malleolo.
  9. caìn = catino.
  10. caļàr = calare, tirare giù.
  11. calçina = calce.
  12. caļe = calle.
  13. caïssón = petto di pollo.
  14. calderèr = calderaio.
  15. calderon = calderone, grande paiuolo.
  16. caļeghèr = calzolaio.
  17. calièra = paiuolo.
  18. caļìvo = nebbia.
  19. calsa = calza.
  20. calséto = calzetto.
  21. càmara = camera.
  22. camarièr = cameriere.
  23. camìșa = camicia.
  24. camòma = lento, strascicato.
  25. camùfo = gala, balza.
  26. cana = canna.
  27. caneļoni = cannelloni.
  28. canestréi = “pettini” (molluschi).
  29. càneva = cantina.
  30. canevasse = canovacci da cucina.
  31. canìl = canile.
  32. canocia = cappalunga.
  33. canón = cannone.
  34. cantonàl = angoliera.
  35. capa = cappa.
  36. capariòļa = capriola.
  37. capèl = cappello.
  38. capeļèr = cappellaio.
  39. capitèl = capitello, cappellina.
  40. capón = cappone.
  41. caponèra = stia.
  42. capusso = cavolo cappuccio.
  43. caramèl = frutta secca caramellata.
  44. carboneļa = carbone minuto di legna dolce.
  45. carèga = sedia.
  46. careghéta = piccola sedia; acconciasedie.
  47. caregón = seggiolone per bambini.
  48. caretèl = caratello, botticella.
  49. caretièr = carrettiere.
  50. caretina = carretta.
  51. caréto = carretto, barroccio.
  52. carga (na -) = carico.
  53. caríòl = tarlo.
  54. cariòļa = carriola.
  55. carioļà = tarlato.
  56. cariòto = carrettiere.
  57. caròba = carruba.
  58. cartolèr = cartolaio.
  59. “cartoļine” = torroncini.
  60. cașada = casata; pan de – = pane casereccio.
  61. cascainpèto = ciondolo.
  62. cașoļin = pizzicagnolo.
  63. cassa = ramaiuolo.
  64. cassadór = cacciatore.
  65. cassafati = faccendiere, intrigante.
  66. cassavìde = cacciavite.
  67. cassèļa = cassetto.
  68. cassiòļa = cazzuola.
  69. castagnèr = castagno.
  70. castagnoļa = dolce di carnevale.
  71. castròn = rammendo mal fatto.
  72. catàr = trovare.
  73. catarinèļa (in -) = mezzo svestito.
  74. catàro = catarro.
  75. cavaļòto = cavallo dei calzoni.
  76. cavàr = togliere.
  77. càvara = capra.
  78. cavassàl = capezzale.
  79. cavastròpoļi = cavatappi.
  80. cavedón = alare.
  81. cavél, cavéļo = capello.
  82. çéna = cena.
  83. çenàr = cenare.
  84. çènare = cenere.
  85. cène = ragazzetto.
  86. cèo = piccolo.
  87. cèrega = chierica.
  88. çesta = cesta.
  89. çestèr = cestaio.
  90. ciacoļa = chiacchiera.
  91. ciacoļàr = chiacchierare.
  92. ciacoļéssi = chiacchiere.
  93. ciacoļón = chiacchierone.
  94. cialto = palchetto.
  95. ciamàr = chiamare.
  96. ciapàr = prendere.
  97. ciapìn = presina.
  1. ciara = albume.
  2. ciarìna (in -) = lieve ebrietà.
  3. ciaro = chiaro; brodoso.
  4. ciassàr = far chiasso.
  5. ciave = chiave.
  6. cìcara = chicchera.
  7. cicìn = cíccia, carne tenera (termine infantile).
  8. çimàda (portarla -) = spuntata.
  9. çimento = cimento, lotta.
  10. cinciarse = agghindarsi.
  11. ciò = (interiez.) di’!
  12. ciòca = chioccia.
  13. cíochèl = ragazzino.
  14. ciòco = ubriaco.
  15. ciodéto = chiodino; fungo.
  16. ciompo = con un braccio rattrappito.
  17. ciòpa = forma doppia di pane.
  18. ciufo = ciuffo.
  19. co’ = con.
  20. cóa = coda.
  21. coàda = covata.
  22. cocàl = gabbiano.
  23. còcio = cocchiere.
  24. cocognèl = crocchia.
  25. cocoļésso = moina.
  26. cocón = cocchiume.
  27. cógoma = cuccuma.
  28. coìn = codino; treccia.
  29. coļana = collana.
  30. coļéto = colletto.
  31. còļo = collo.
  32. colpo = botto.
  33. cólsara = imbottita di piumino d’oca.
  34. coltàr = concimare.
  35. còlto = palchetto.
  36. coltrina = tendina.
  37. comáre = madrina; levatrice.
  38. combàtair = combattere; impicciarsi.
  39. cómio = gomito.
  40. còmoda = seggetta.
  41. compànașego = companatico.
  42. companișar = mangiare la pietanza con il pane.
  43. compare = padrino.
  44. condóto = (scarico di) latrina.
  45. conossente = conoscente.
  46. consàr = condire.
  47. cónso = condito.
  48. contàr = contare; raccontare.
  49. copacani = accalappiacani.
  50. copárse = uccidersi.
  51. cópo = tegola.
  52. córar = correre.
  53. corbàto = cesto, (fig.) una quantità, “un sacco”.
  54. cordèļa = fettuccia.
  55. cordèr = cordaio.
  56. corèto = corretto.
  57. cortèl, cortèlo = coltello.
  58. corteșàn = affabile, cordiale.
  59. cortivo = cortile.
  60. còssa = cosa.
  61. costeșìne = coste di maiale.
  62. costièra (in – del sol) = in pieno sole.
  63. costrussión = costruzione.
  64. còtego = trappola per topi.
  65. còto = cotto.
  66. còtoļa = sottana.
  67. cotoļòn = donnaiolo.
  68. covèrcio = coperchio.
  69. covèrzar = coprire.
  70. covertór = copriletto.
  71. cragno = cranio, testa.
  72. crècola = uccello acquatico; donna minuta.
  73. créssar = crescere.
  74. crivel = crivello.
  75. crocante = croccante.
  76. crògnolo = sasso; bernoccolo.
  77. crompàr = comperare.
  78. croșièra = incrocio, crocicchio.
  79. cróstoli = dolce di carnevale, “cenci”, “crespelli”.
  80. crovèra = ammasso di nuvole.
  81. crùo = crudo.
  82. crup = difterite.
  83. crussiàr = tormentare.
  84. crùssio = tormento.
  85. cucár = rubare, prendere.
  86. cuciaréto = cucchiaino.
  87. cuciàro = cucchiaio.
  88. cuco = cucolo; uomo tonto, sciocco.
  89. cugnà = cognato.
  90. cunicio = coniglio.
  91. curàr = mondare, ripulire.
  92. curàme = cuoio.
  93. curamèļa = coramella.
  94. curto = corto.
  95. cùșar = cucire.
  96. cușìna = cucina.
  97. cussin = cuscino.

È impossibile rendere con i segni dell’alfabeto italiano uno dei suoni più caratteristici e frequenti del dialetto trevigiano, il suono della l intervocalica di gondola, palo, bulo e simili. È un suono affine a quello di una e chiusa e breve che indichiamo convenzionalmente, con una l con un puntino sottoscritto: ļ (góndoļa, paļo, buļo).

Se una delle due vocali che precedono o seguono la l è una e, questo suono quasi si fonde con questa e sembra sparire. Ma capèlo non è capèo e tòle non è tòe.
Abbiamo quindi preferito indicarlo – capèlo e tòle -, lasciando al lettore il compito di farlo sentire nella giusta misura.

Il segno s indica la s sorda, o aspra, di soldá; il segno ș indica invece la s sonora, o dolce, di casa. Questo stesso suono, in omaggio ad una tradizione di scrittura, è indicato pure dal segno z, come in zóvene e zenòcio. Per lo stesso motivo si è conservata la x di xe.

I due accenti – l’acuto e il grave – indicano non soltanto, rispettivamente, il suono chiuso e il suono aperto della e e della o, ma anche l’accento tonico della parola, come negli esempi in questa stessa pagina. Dove questa coincidenza non era possibile, abbiamo preferito non metterli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.