Esperienza

Abitudini, usanze e vizi

  1. L’uso fa lege.
  2. Beata quella casa che se scoada de vecie.
  3. Chi non usa, disusa.
  4. Chi cambia natura, presto va in sepoltura.
  5. Chi lassa la strada vecia per la nova, spesse volte gabado se ritrova.
  6. Xe megio (mejo) ‘na volta, che ‘na stravolta.
  7. Al ben se se usa presto.
  8. Chi xe usi al ben, stenta usarse al mal.
  9. El pan de casa stufa.
  10. Ogni bel balo (o zugo) stufa.
  11. Le novità dura tre dì; e co le va de troto le ghe ne dura oto.
  12. La caèna no ga paura del fumo.
  13. La rana co la xe usa al paltan, se no la ghe va ancò, la ghe va doman.
  14. No se pol cavar la rana dal paltan.
  15. Chi se uso a la rapa, no magna pastisso.
  16. Onde che se piega, se reversa.
  17. Chi cominçia mal, finisse pezo.
  18. Chi va al mulin s’infarina.
  19. El primo vizio conduse al preçipizio.
  20. Un vizio ciama l’altro.
  21. I vizi i se da la man un co l’altro.
  22. Co se ciapa un vizio, se stenta a perderlo.
  23. El vizio xe come la gramegna, che le raìse ghe resta sempre.
  24. La volpe perde ‘l pelo, ma ‘l vizio mai.
  25. Vizio per natura, fin la fossa dura.
  26. Le peche de natura, se le porta in sepoltura. (Quel che xe de natura, se le porta in sepoltura).

Condizioni e sorti disuguali

  1. Chi sta vicin a la pignata, magna la minestra calda.
  2. El mondo se fato a scarpete, chi se le cava e chi se le mete.
  3. ‘N’ alta e ‘na bassa fa ‘na gualiva.
  4. Chi taja su quel d’altri no sente dolor.
  5. Chi fila, ga na camisa; chi no fila, ghe n’ha do.
  6. Chi çiga più forte g’ha più rason.
  7. Chi pissa contro ‘l vento, se bagna la camisa.
  8. Chi g’ha pan, no g’ha denti; e chi g’ha denti, no g’ha pan.
  9. Morte tua, vita mia.
  10. No casca tempesta, che no la sia bona per qualchedun.

Conforti ne’ mali

  1. Dio ghe xe per tuti.
  2. Dopo la piova vien el sol.
  3. El tempo giusta tuto.
  4. A tuto ghe xe rimedio, fora che a l’osso del colo.
  5. Nessuna nova, bona nova.
  6. Tuto el mal no xe mal.
  7. Morto un papa, i ghe ne fa ‘n altro.

Consiglio, riprensione, esempio

  1. Cosa fata no vol consegio.
  2. El mèdego pietoso fa la piaga puzzolente.
  3. Chi me vol ben, me cria; chi me vol mal, me ride drio.
  4. No tor mai consegi da gente andada in malora.
  5. Do teste le stenta a combinarse.
  6. Omo avisà, xe mezo armà (o mezo salvà).
  7. Val più l’esempio che le parole.

Errore, fallacia dei propositi e dei giudizi

  1. Chi se prova, qualche volta fala (sbaglia); chi no prova, fala sempre.
  2. No bisogna mai darse maravegìa de nissun.
  3. Teste grandi, fali grandi.
  4. Chi fa i conti avanti l’osto, li fa do volte.
  5. Per vender la pele bisogna aver copà l’orso.
  6. No bisogna meter el caro avanti i bo.
  7. L’omo propone e Dio dispone.
  8. Tute le bale (palle) no vien tonde.
  9. Tuti i seci (secchi) no tira suso aqua.
  10. Ben faremo, ben diremo; mal va la barca senza remo.

Esperienza

  1. Val più la pratica, che la gramatica.
  2. Chi no fa, no fala; e chi no fala, no impara.
  3. Chi no sa far, no sa comandar.
  4. Chi no mor in cuna, ghe ne impara sempre qualcheduna.
  5. El tempo xe un gran maestro.
  6. Bisogna scoltar sempre i veci.
  7. El diavolo la sa lunga, perchè l’è vecio.
  8. Bo vecio, solco drito.
  9. Chi fa ‘l trenta, pol far anca el trent’un.
  10. El can scotà da l’aqua calda, g’ha paura de la freda.
  11. Chi co l’ocio vede, col cuor crede.

False apparenze

  1. L’aparenza ingana.
  2. L’abito non fa ‘l monaco, nè la barba ‘l filosofo
  3. I pomi rossi xe quei che g’ha el vermo.
  4. No se tuto oro quelo che luse.
  5. Tuti i fiori no sa da bon.

Fama buona e cattiva

  1. L’onor xe ‘l sal de la vita.
  2. L’onor se come ‘l vento, el va fora da tuti i busi.
  3. Erba che no g’ha raise, no taca.
  4. Quando tuti te dise imbriago, va a dormir.
  5. Xe megio aver i corni in scasela che in testa.

Fatti e parole

  1. Dal dito (detto) al fato, passa un tratto.
  2. I progeti spaca ‘l mondo e i fati fa tremar le culate.
  3. Dove ghe vol fati, le parole no basta.
  4. Chi promete massa, no mantien gnente.
  5. Dove ghe xe femane e gati ghe se più ciacole che fati.
  6. Una parola tira l’altra.

Gioco

  1. Se ris-cia per bisogno, se perde per neçessità.
  2. Chi sa ‘l zogo no l’insegna.
  3. No tocar can che ròsega, nè zogador che perde.

Giustizia, liti

  1. Fra i do litiganti, el terzo gode.
  2. Nè per torto nè rason, no te lassar meter in preson.

Guerre, milizia

  1. Chi va a la guera, magna mal e dorme in tera.

Ingiurie, offese

  1. Chi semena spini, no vada descalzo.
  2. Chi no se risente, no se fio de bona zente.
  3. Perdonar l’è da cristiani, desmentegar l’è da cojoni.
  4. Co se se vol ben, no se se ofende.

Mutar paese, viaggiare

  1. Chi sta sotto la napa del camin, no spuzza che da fumo.
  2. Tuto ‘l mondo xe paese.
  3. Chi va pian, va lontan.

Nature diverse

  1. El mondo l’è belo perchè l’è vario.
  2. Tuti sa el fato soo.
  3. Ogni campanil sona le so campane.

Regole del giudicare

  1. Se le xe rose, le fiorirà; se le xe spine le ponzarà
  2. Una rondina no fa primavera.
  3. No se dise quatro co no l’è in saco.
  4. A pensar mal, se fa mal, ma la se indovina.
  5. Una campana sola, no fa conçerto.
  6. Bisogna sentir tute do le campane.
  7. L’ecezion fa la regola.

Regole del trattare e del conversare

  1. La creanza sta ben anca a casa del diavolo.
  2. Veder e no tocar, la xe cosa da imparar.
  3. Zogo (gioco) de man, zogo da villan.
  4. Scherza coi fanti e lassa star i santi.
  5. Beati i ultimi, se i primi g’ha creanza.
  6. Ambasciator no porta pena.
  7. Domandar xe lèçito e risponder xe cortesia.
  8. Se paga de la moneta che se vien pagadi.

Risolutezza, sollecitudine, cogliere le occasioni

  1. Chi ben prinçipia è a la metà de l’opera.
  2. Xe megio un vovo ancuo, che ‘na galina doman.
  3. El pavimento de l’inferno xe fato de bone intenzion.
  4. Fora ‘l dente, fora ‘l dolor.
  5. Bisogna bater el fero fin che l’è caldo.
  6. Chi tardi ariva, male alogia.
  7. No aspetar de sarar la stala co i bo xe scampai.
  8. Aqua passada, no masena più.
  9. Ogni lassada è persa.

Sentenze generali

  1. Can de do paroni, more de fame.
  2. L’omo comanda de zorno e la femana de note.
  3. Servo de do paroni, servo d’i me cogioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.