S

  1. sabadina = bevuta del sabato sera fra amici.
  2. sabión = sabbia.
  3. sabo = sabato.
  4. saco = sacco.
  5. sàcoļa = occhiello.
  6. sacranón (un toco de -) = un pezzo d’uomo.
  7. saéno = sedano.
  8. saéta = saetta, fulmine.
  9. safèr = autista.
  10. sagrà = sagrato.
  11. sajàr = assaggiare.
  12. sal = sale.
  13. saladéto = un po’ salato.
  14. sàleșe = salice.
  15. salghèr = salice.
  16. salmistrada = lingua bollita con spezie e aromi.
  17. samóca = scarpa vecchia e sformata.
  18. sampa = orma.
  19. sampèi = sandali di legno da lavoro.
  20. sangiùto = singhiozzo.
  21. sanguéta = sanguisuga.
  22. sanguéto = sangue di galluna o di maiale coaugulato.
  23. sàntolo = padrino.
  24. saór = salamoia.
  25. sapa = zappa.
  26. saràca = salacca; (fig.) bestemmia.
  27. sardèļa = sardina.
  28. sarèșa = ciliegia.
  29. sareșèra = ciliegio.
  30. sariòļa = Candelora (2 febbraio).
  31. sartàr = versare.
  32. sartór = sarto.
  33. sàssara = zazzera.
  34. satu? = sai?.
  35. savàta = ciabatta.
  36. savatón = ciabattone, disordinato.
  37. sbaļàr = spiovere.
  38. sbaldìr = sfondare (indumenti e scarpe).
  39. sbaļotàe = palle di neve.
  40. sbampìo = svampito, svanito.
  41. sbampoļàda = riscaldare leggermente, dare aria.
  42. sbarbatèl = sbarbatello.
  43. sbarossà = sgangherato.
  44. sbasìo = smorto, pallido.
  45. sbassàr = abbassare.
  46. sbàtoļa = chiacchera, parlantina.
  47. sbatoļàr = chiaccherare.
  48. sbecoļàr = spiluzzare.
  49. sberegàr = berciare, cantare a squarciagola.
  50. sbèssoļa = mento.
  51. sbessoļón = con lungo mento.
  52. sbevaciàr = sbevazzare.
  53. sbianchișàr = imbiancare.
  54. sbìcio = scadente, senza consistenza.
  55. sbiro = sbirro; bambino vivace.
  56. sbóa = turbine di vento.
  57. sboàda = raffica di vento.
  58. sbòda = brodaglia.
  59. sbófo = sboffo (delle maniche).
  60. sbolsegàr = tossire.
  61. sbombolà = disarticolato, non saldo.
  62. sbotegàr = tossire.
  63. sbraghessón = pieno di arie, sbruffone.
  64. sbraitàr = sbraitare.
  65. sbrègo = strappo.
  66. sbrissón = scivolone.
  67. sbrocàrse = sfogarsi.
  68. sbroetón = saccente.
  69. sbroìcio = broda.
  70. sbușe (man -) = mani bucate, (fig.) spendaccione.
  71. scaéssa (- campi) = attraverso i campi.§
  72. scafa = bocca contratta di bambino che sta per piangere.
  73. scagnèl = sgabello.
  74. scaldìn = scaldino.
  75. scalfaròto = pantofola.
  76. scaļivàr = piovigginare.
  77. scalmanà = accaldato, trafelato.
  78. scampàr = fuggire.
  79. scanà = trafelato; scannato.
  80. scanchènico = sparuto, magro.
  81. scàndoļa (a -) = a tavole sovrapposte.
  82. scapinàr = rifare il pedule alle calze.
  83. scapoļàrla = salvarsi, portarla fuori, scamparla.
  84. scarampana = spilungona, allampanata.
  85. scarmo = magro.
  86. scarpèr = calzolaio.
  87. scarpìa = ragnatela.
  88. scarpià (cielo -) = cielo striato di nuvole.
  89. scarpión = scorpione.
  90. scarseļa = tasca.
  91. scartosso = cartoccio.
  92. scaturìr = impaurire.
  93. scaturòto = spavento.
  94. scavessà = rotto, spezzato.
  95. schéna = schiena.
  96. schenàl = schienale.
  97. schia = schila.
  98. schinca (trovar ‘na -) = pretesto, falsa scusa.
  99. schincapéne = scribacchino.
  100. schinsanóșe = schiaccianoci.
  101. schiràl = rete per pescare.
  102. schisso = schiacciato, camuso.
  103. schivanèļa = scarto improvviso.
  104. s-ciafa = schiaffo.
  105. s-cianta (‘na) = un briciolo.
  106. s-ciantìso = fulmine.
  107. s-ciàpa = schiappa.
  108. s-ciàpo = stormo, branco, frotta.
  109. s-ciaràrse = rischiararsi, schiarire.
  110. s-cesénda = piccola scheggia.
  111. s-ciòrna = anello da tende.
  112. s-ciopàr = scoppiare, crepare.
  113. s-ciopetìn = armaiolo.
  114. s-ciòso = chiocciola.
  115. scóa = scopa.
  116. scoàr = scopare.
  117. scoasse = immondizie, spazzatura.
  118. scoassèra = portaimmondizie.
  119. scoassìn = spazzino.
  120. scoļadóra = scolapiatti.
  121. scoļàr = scolare.
  122. scoltàr = ascoltare.
  123. scomissiàr = incominciare.
  124. scóndar = nascondere.
  125. scondicùco = nascondino (gioco).
  126. scondón (de -) = di nascosto.
  127. scopeļòto = scapellotto.
  128. scòrsa = buccia, scorza.
  129. scorsarìe = concerie.
  130. scòrso = cotica.
  131. scotadéo (a -) = a scottadita.
  132. scotàr = scottare, bruciare.
  133. scotoļàr = sgonellare.
  134. scovoļàr = spazzolare con la scovoļéta.
  135. scovoļéta = spazzola per vestiti.
  136. scravassàr = piovere a dirotto.
  137. scravasso = acquazzone.
  138. scroarìa = porcheria, schifezza.
  139. scuèļa = scodella.
  140. scueļòto = ciotola del denaro.
  141. scùfia = cuffia.
  142. scufiòto = cuffiotto; scappellotto.
  143. sculiarìn = cucchiaino.
  144. sculièr = cucchiaio.
  145. scunìo = emanciato, smunto.
  146. scuòdarse = smuoversi.
  147. scuri = imposte.
  148. scurtàr = accorciare.
  149. scușàr = scusare, perdonare.
  150. sdentegà = senza denti, sdentato.
  151. secièr = secchiaio, acquaio.
  152. scio = secchio.
  153. séco = secco; magro.
  154. segàr = falciare, segare.
  155. segaùra = segatura.
  156. seghéto = seghetto.
  157. ségoļa = cipolla.
  158. séja = ciglia.
  159. séļega = passero.
  160. seļèr = sellaio.
  161. semoļèi = minestra di semolino.
  162. sempio = sciocco.
  163. sempiòldo = scimunito, deficiente.
  164. sèna = senna.
  165. senèstro = storto alla schiena.
  166. sénsa = senza.
  167. sentàr = sedere.
  168. sentìr = sentire.
  169. sépa = seppia.
  170. seràr = chiudere.
  171. seramento (de testa) = costipazione.
  172. sércio = cerchio.
  173. servèl = cervello.
  174. sèsto (co -) = con garbo; de – = a posto, in ordine.
  175. setà = attillato.
  176. sète = sette; strappo nei vestiti.
  177. setimìn = settimino.
  178. sfadigàr = sfacchinare.
  179. sfantarse = dileguarsi, allontanarsi.
  180. sfèrza = morbillo.
  181. sfeșa = fessura, fenditura.
  182. sfòja = sfoglia.
  183. sfòjo = sogliola.
  184. sfondà = sfondato.
  185. sfròso (de -) = di nascosto, senza pagare.
  186. sgaļetàr = sbozzolare, levare i bozzoli dalle frasche.
  187. sgàlmare = scarpe malandate.
  188. sgarbarìa = sgarberia.
  189. sgarbeļìn = cispo, muco delle palpebre.
  190. sgaruciàr = cercare di far uscire qualcosa.
  191. sgiavénto (andar come un -) = andare come un razzo.
  1. sgiónfo = gonfio, sazio, rimpinzato.
  2. sgiónfa (‘na -) = averne a sazietà.
  3. sgiossàr = gocciolare.
  4. sgnarèļe = narici.
  5. sgnèco = naso.
  6. sgobàr = sgobbare, sfacchinare.
  7. sgorlàr = scrollare, scuotere.
  8. sgrandessón = pienpdi boria, presuntuoso.
  9. sgafàr = graffiare.
  10. sgranfo = crampo.
  11. sgrendenà = arruffato, spettinato.
  12. sguìnso = schizzo.
  13. siàl = scialle.
  14. siaļéto = scialletto.
  15. siàrpa = sciarpa.
  16. siarpéta = cravatta.
  17. sièra = cera, colorito.
  18. sièșa = siepe.
  19. sièvolo = cefalo.
  20. sigaļò = vocio.
  21. sigaļón = chi parla ad alta voce.
  22. sigo = grido.
  23. sìgoļo = vinacciolo; seme di limone o arancia.
  24. simiòto (mal del -) = marasma.
  25. simitècoļa = donnetta.
  26. simitón = rabbia, furore.
  27. singia = cinghia.
  28. sinìse = cenere e brace.
  29. siòļa = suola.
  30. siòļo = pavimento di legno.
  31. siòr = signore; ricco.
  32. sipo = “sì poi”, ma sì; (cfr. nòpo = eh no!).
  33. siròco = scirocco.
  34. sișar = ronzare, fischiare (gli orecchi).
  35. sisìļa = rondinella.
  36. sitón = libellula.
  37. slapàr, slaparàr = mangiare rumorosamente, sbrodolarsi addosso.
  38. slargàr = allargare.
  39. slèpa = ceffone.
  40. slinguassón = linguacciuto.
  41. slitàr = scivolare.
  42. slòdro = sudicio.
  43. slongàr = allungare.
  44. slòsso = uovo marcio, fradicio.
  45. smagonà = nauseato, annoiato.
  46. smàra = paturna, “luna”, malumore.
  47. smargnìfo = furbacchione, scaltro, briccone.
  48. smeriglià = smerigliato.
  49. smoroșamento = amoreggiamento.
  50. soàșa = cornice.
  51. sóco = ceppo.
  52. sòcoļo = zoccolo.
  53. sofìta = soffitta.
  54. sogèto = soggetto.
  55. soļàna = colpo di sole.
  56. soldadini = soldatini.
  57. sólfaro = zolfo.
  58. somejàr = assomigliare.
  59. sóni = birilli.
  60. sópa = zuppa; ‘na sopa = una gran quantità.
  61. soràr = freddare, raffreddare.
  62. sorbìr (òvo da -) = uovo da bere.
  63. sorèļa = sorella.
  64. soreļàstra = sorellastra.
  65. sórze = sorcio, topo.
  66. sotegón (de) = zoppicando.
  67. sòto = zoppo.
  68. soturco = granturco, mais.
  69. spàciara = sasso piatto.
  70. spadìna (in -) = senza soprabito.
  71. spaghéti = vermicelli, spaghetti.
  72. spaghéto = paura.
  73. spaļa = spalla.
  74. spaļancàr = spalancare, aprire.
  75. spampanà = sfiorito.
  76. spana = spanna.
  77. spàndar = spandere.
  78. spanìo = sfiorito.
  79. sparagnàr = risparmiare.
  80. sparagnìn = economo.
  81. spareșèra = sparagiaia, striscia di terreno battuto.
  82. spàreșo = asparago.
  83. sparpagnarse = sparpagliarsi.
  84. spașemo = spavento.
  85. spassacamìn = spazzacamino.
  86. spassacușìna = spqazzacucina.
  87. spassìn = spazzino.
  88. specèra = specchiera.
  89. spegasso = sgorbio.
  90. spenàr = spennare.
  91. spendación = prodigo, scialaquatore.
  92. spéndar = spendere.
  93. spessegàr = affrettarsi, fare in fretta.
  94. spetàr = aspettare.
  95. spièra = raggio.
  96. spìgoļo = spicchio; spigolo.
  97. spinassi = spinaci.
  98. spìșima = stento, tisicuzzo.
  99. spissa = prurito.
  100. spìssigo (a -) = a spizzico.
  101. spissièr = farmacista.
  102. spiumàr = schiumare.
  103. spoentaùre = croste della polenta; avanzo di cibi.
  104. spólpo = spolpato, all’ultimo stadio.
  105. spolvaràr = spolverare.
  106. spolvarina = soprabito leggero di mezza stagione.
  107. spoșà = sposato.
  108. spostàr = spostare.
  109. springadìna = spruzzatina.
  110. spròta = pretenziosa, piena di arie.
  111. spunciòn = asta di ferro appuntita; puntura.
  112. spusséta = signoretta sprezzante.
  113. squajà = scoperto.
  114. squajàr = scoprire, rivelare.
  115. squajàrseļa = battrsela, sparire.
  116. squal = squalo.
  117. squaquaràr = spifferare.
  118. squara = squadra.
  119. stagnìn = stagnino.
  120. stajón = stagione.
  121. stalièr = stalliere.
  122. stanòte = stanotte.
  123. star drìo = corteggiare; seguire.
  124. stàvoļo = porcile.
  125. stéca = stecca.
  126. stecadénte = stuzzicadenti.
  127. stéco = stecco.
  128. stisso = tizzone.
  129. stómego = stomaco; far – = nausea.
  130. stónfo = fradicio.
  131. stopìn = stoppino.
  132. stòrta = distorsione.
  133. stracaganàssa = castagna secca.
  134. straciólto = stravolto.
  135. stracoļàda = slogatura.
  136. stràco = stanco.
  137. stradeļà = più che in là.
  138. strafanìcio = cianfrusaglia.
  139. strafanto = indumento fuori moda.
  140. strafòjo = trifoglio.
  141. stramassèr = materassaio.
  142. stramasso = materasso.
  143. strambarìa = stramberia.
  144. stramușón = ceffone.
  145. strangoļón (de -)= in fretta e furia.
  146. stranudàr = sternutire.
  147. stranùo = sternuto.
  148. straòcio = strabico.
  149. strapassàr = rimbrottare, gualcire.
  150. strapassà = sgualcito, spiegazzato; òvo – = uovo al tegame strapazzato.
  151. strapassi = disordini, fatiche eccessive.
  152. strassa = straccio.
  153. strassariòl = straccivendolo.
  154. strassinàr = strascicare, gualcire.
  155. stravénto = contro vento.
  156. stricoļada = lunga fila o serie.
  157. strighéta squajada = rimpiattino.
  158. strigòsso = cianfrusaglia, fronzolo.
  159. stròpa = salciùolo.
  160. stropà = chiuso, otturato.
  161. stròpoļo = turacciolo, tappo.
  162. strossìn = strozzino, usuraio.
  163. strucàr = spremere, strizzare.
  164. strussiàr = sfacchinare.
  165. stua = stufa.
  166. stuà = spento.
  167. stuàr = spegnere.
  168. stucadór = stuccatore.
  169. stuìn = odore di bruciato.
  170. suà = sudato.
  171. sùbia = lesina.
  172. subiòto = fischietto; maccherone.
  173. suca = zucca.
  174. sucàda = testata.
  175. sùcaro = zucchero.
  176. sucòl = zucchino.
  177. sucón = zuccone.
  178. sùgoļi = polenta tenera e latte.
  179. sunàr = raccogliere, mettere insieme.
  180. suór = sudore.
  181. supegàr = scarnire un osso coi denti, rosicchiare.
  182. supiàr, sufiàr = soffiare.
  183. supièra = piatto fondo.
  184. sușo = sù.
  185. susta = molla.
  186. susto = persona noiosa.
  187. suto = asciutto.
  188. svànsega = svanzica (moneta austriaca).
  189. svejarìn = persona che si sveglia per tempo.
  190. svéjo = sveglio.
  191. sveļòșia, sveļondrìna = indumento leggero.
  192. svéntola = scappellotto; récie a – = orecchie a sventola.
  193. svodàr = vuotare.

È impossibile rendere con i segni dell’alfabeto italiano uno dei suoni più caratteristici e frequenti del dialetto trevigiano, il suono della l intervocalica di gondola, palo, bulo e simili. È un suono affine a quello di una e chiusa e breve che indichiamo convenzionalmente, con una l con un puntino sottoscritto: ļ (góndoļa, paļo, buļo).

Se una delle due vocali che precedono o seguono la l è una e, questo suono quasi si fonde con questa e sembra sparire. Ma capèlo non è capèo e tòle non è tòe.
Abbiamo quindi preferito indicarlo – capèlo e tòle -, lasciando al lettore il compito di farlo sentire nella giusta misura.

Il segno s indica la s sorda, o aspra, di soldá; il segno ș indica invece la s sonora, o dolce, di casa. Questo stesso suono, in omaggio ad una tradizione di scrittura, è indicato pure dal segno z, come in zóvene e zenòcio. Per lo stesso motivo si è conservata la x di xe.

I due accenti – l’acuto e il grave – indicano non soltanto, rispettivamente, il suono chiuso e il suono aperto della e e della o, ma anche l’accento tonico della parola, come negli esempi in questa stessa pagina. Dove questa coincidenza non era possibile, abbiamo preferito non metterli.

5 Risposte

  1. Enrico Rossetto ha detto:

    Bello vedere un dizionario veneto. Complimenti.
    Credo sia un lavoro che debba coinvolgere il maggior numero di veneti parlanti perche’ certamente ci sono molte varianti locali e molti lemmi possono venir dimenticati. Alla lettera S, per esempio, mi pare manchi la voce ‘savariarse’ (interessarsi, preoccuparsi), diffusa almeno nella triangolo tra Cittadella, Vicenza e Padova.
    Auguri

  2. Marco ha detto:

    Bello.
    C’è chi conosce il significato della parola “STRINGARO”?

  3. isabella scotti ha detto:

    Vivo a Pordenone, il nostro dialetto è di area veneta. Grazie per riportare nel vostro dizionario l’aggettivo “scunìo”, insostituibile per definire uno stato fisico di malessere indefinito!
    Vi suggerisco, alla lettera “esse” SARABAN”, carro trainato da buoi.
    Sono inoltre alla ricerca delle origini del modo di dire ” o sec o brentana” (senza mezze misure, da un estremo all’altro.

    • isabella scotti ha detto:

      alla lettera B ho trovato brentana= fiumana. Qualcuno conosce o usa il detto di cui sopra? grazie!

    • martexx ha detto:

      Da una nostra breve indagine nel nostro territorio risulta che il termine saraban viene utilizzato per un tipo di carro trainato a mano: ogni zona declina il dialetto in modo diverso.
      Inoltre, anche da noi è conosciuto il detto o sec o brentana (o secco, arido o brentana, alluvione) per indicare che non ci sono mezze misure. Il termine brentana è stato coniato dalle popolazioni venete in riferimento alle terribili alluvioni del fiume Brenta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.