Il toponimo barcon è riconducibile al vocabolo di radice celtica bark (capanna).
In età medievale il barco era una costruzione destinata a stallaggio e ricovero di attrezzi rurali, legnami e foraggi.

un proverbio veneto… a caso

Barcon, IT
-0°C
cielo sereno

il santo del giorno

2 settembre 1923 – 2 settembre 2023

100 anni della nostra parrocchia

Con Regi decreti del 2 settembre 1923, registrati alla Corte dei conti il 13 settembre, viene istituita la parrocchia di S. Michele Arcangelo in Barcon.

Barcon si trova nella pianura veneta ai piedi delle prealpi trevigiane.

L’abitato è situato nel territorio dell’antico Agro Centuriato di Asolo, la colonizzazione che i romani effettuarono a partire dalla metà del II secolo a.C., tagliando i boschi di carpini e querce che fino ad allora caratterizzavano questo tratto di pianura dei Veneti.

Il primo documento che accerta l’insediamento di Barcon è datato fine XI secolo ed attesta la presenza di una cappella dedicata a San Michele Arcangelo.

Nei secoli XV e XVI, il nostro era un villaggio autonomo che rientrava nella Campagna di Sopra, territorio sottoposto direttamente all’amministrazione del podestà di Treviso.

Diversi furono i riassetti amministrativi tra la fine del XVIII e l’inizio del XIX secolo, fino ad arrivare al 1 gennaio 1819 quando Barcon fu definitivamente assegnato al comune di Vedelago.

Questa parte di provincia trevigiana è storicamente sotto l’influenza amministrativa di Castelfranco Veneto e prende il nome di Castellana.

Barcon

Villa Pola

Finora dagli archivi storici non sono ancora emersi dei disegni accurati che ritraggano quella che era considerata il capolavoro dell’architetto veneziano Giorgio Massari, confidiamo in scoperte future.

Una descrizione sommaria della villa la troviamo negli scritti di Lorenzo Crico, dal 1797 parroco di Fossalunga.

Partendo da queste descrizioni e tenendo in considerazione altre opere del Massari, abbiamo ipotizzato come al visitatore del XVIII secolo doveva apparire l’imponente Villa Pola.

Josef Lanzedelli, 1810 . Dipinto raffigurante il conte Adam Albert von Neipperg e la prima moglie Teresa Pola con i figli Alfred e Ferdinand

Santuario Beata Vergine del Caravaggio

Josef Lanzedelli, 1810 . Dipinto raffigurante il conte Adam Albert von Neipperg e la prima moglie Teresa Pola con i figli Alfred e Ferdinand

Barchessa di Villa Pola

Josef Lanzedelli, 1810 . Dipinto raffigurante il conte Adam Albert von Neipperg e la prima moglie Teresa Pola con i figli Alfred e Ferdinand

Capitelli agresti

Scuola veneta, fine del secolo XVII - inizi del secolo XVIII . Ritratto del Conte Paolo di Castropola, olio su tela, cm 81 x 68,5

Il mercato di Barcon

Lorenzo Crico, letterato parroco di Fossalunga, scrive quest’egloga rusticale nel 1802 per le nozze di Costanza Pola, figlia dei conti di Barcon, con il nobile Fontana.

Josef Lanzedelli, 1810 . Dipinto raffigurante il conte Adam Albert von Neipperg e la prima moglie Teresa Pola con i figli Alfred e Ferdinand

La lacrimevole istoria del conte Titta Pola

Racconto di Luigi Urettini tratto dai Quaderni del Risorgimento che narra le vicissitudini di uno degli ultimi discendenti dei nobili Pola.

Scuola veneta, fine del secolo XVII - inizi del secolo XVIII . Ritratto del Conte Paolo di Castropola, olio su tela, cm 81 x 68,5

La signoria dei Castropola

Il comune polese e la Signoria dei Castropola di Camillo De Franceschi. Esiliati a Treviso, insigniti del titolo di conte e mutato il cognome in Pola, i Castropola furono artefici della storia del nostro paese.

Scuola veneta, fine del secolo XVII - inizi del secolo XVIII . Ritratto del Conte Paolo di Castropola, olio su tela, cm 81 x 68,5

Treviso e le sue pievi

Testo tratto da
Treviso e le sue pievi, Volume 2
Francesco Agnoletti.
Forni editore, 1898

Josef Lanzedelli, 1810 . Dipinto raffigurante il conte Adam Albert von Neipperg e la prima moglie Teresa Pola con i figli Alfred e Ferdinand

Paolo Pola

“… che per le sue tragiche comiche ed altre Poetiche composizioni si merita un posto fra Letterati … “

Breve biografia e raccolta di alcune opere di uno degli ultimi membri della famiglia di conti vissuta a Barcon.

Fonte: Giorgio Massari, architetto veneziano del settecento

Gli archivi di foto storiche

Josef Lanzedelli, 1810 . Dipinto raffigurante il conte Adam Albert von Neipperg e la prima moglie Teresa Pola con i figli Alfred e Ferdinand

Le foto delle classi di Barcon

Josef Lanzedelli, 1810 . Dipinto raffigurante il conte Adam Albert von Neipperg e la prima moglie Teresa Pola con i figli Alfred e Ferdinand

Lombardy, Venice, Parma, Modena (1818–1829)
Second military survey of the Habsburg Empire

Il Gruppo Alpini di Barcon

Circolo parrocchiale
Noi per Barcon

I genitori degli alunni di Barcon

Fiera di San Michele

Gruppo del Carro Mascherato 1982-1986

Gruppo Ciclistico Barcon

Gruppo Podistico Barcon

Gruppo Sportivo Barcon

Gruppo III Armata

Gruppo del Torcio

Insieme per Barcon

Società Bocciofila Alpina

La raccolta differenziata dei rifiuti

Ogni cittadino è responsabile del modo in cui smaltisce ciò che non utilizza più.

I rifiuti non vanno bruciati!

Dobbiamo utilizzare i canali predisposti per disfarsi di ciò che non ci serve più.

Barcon (TV)
© Immagini e testi protetti da copyright.