Batar Marso

Il termine “Batar Marso” deriva dal rito compiuto per lo più dai ragazzini che nei giorni del Capodanno correvano per il paese battendo violentemente “bussolotti”, lamiere, pentole e coperchi con lo scopo di far più rumore possibile per ridestare la natura dal periodo invernale.

Giotto: Adorazione dei Magi

I Lorienti

Nel periodo dell’Epifania nella campagna veneta comparivano i Lorienti che nell’immaginario popolare erano associati alle figure dei tre Re Magi. Infatti, già il nome lorienti riconduce all’oriente, luogo di provenienza tradizionalmente dato ai Magi....

Il Filò

Il termine filò era dato alle veglie invernali che la gente contadina passava nelle stalle delle case coloniche. La gente unita da parentela, d’amicizia o vicinato si incontrava per stare al caldo, risparmiando la legna e usufruendo del calore animale.

Il Massariòl

El Massariòl è la più popolare creatura dell’immaginario contadino del trevigiano, conosciuto anche con i nomi di matharol, marsiòl, salvanèl e sanguanèl.

La Notte delle Palme

La notte tra il sabato e la domenica delle Palme, la Notte delle Palme, tradizionalmente tramandata come la notte degli scherzi, delle burle e dei dispetti per antonomasia.

Panevìn soto le stele

La più antica tradizione trevigiana è senza dubbio il Falò dell’Epifania o Panevìn, tradizionalmente celebrato alla fine del periodo natalizio e prima di quello carnascialesco. La campagna inizia a punteggiarsi di una miriade di fuochi che partono dalla pianura fino alle alture del nostro territorio.

Soprannomi

SOPRANNOME = appellativo familiare, scherzoso o ingiurioso, di una persona, diverso dal cognome e dal nome proprio, che prende generalmente spunto da qualche caratteristica individuale. Ovvero, nome che si dà a una persona per caratterizzarla più tipicamente, partendo da una caratteristica fisica o da un dato storico o biografico.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.