1. càboļa = bugia.
  2. cabiòto = gabbia.
  3. coboļón = bugiardo, fanfarone.
  4. caéna = catena.
  5. caenasso = catenaccio.
  6. cafetièr = caffettiere.
  7. caìa = spilorcio.
  8. caìcia = malleolo.
  9. caìn = catino.
  10. caļàr = calare, tirare giù.
  11. calçina = calce.
  12. caļe = calle.
  13. caïssón = petto di pollo.
  14. calderèr = calderaio.
  15. calderon = calderone, grande paiuolo.
  16. caļeghèr = calzolaio.
  17. calièra = paiuolo.
  18. caļìvo = nebbia.
  19. calsa = calza.
  20. calséto = calzetto.
  21. càmara = camera.
  22. camarièr = cameriere.
  23. camìșa = camicia.
  24. camòma = lento, strascicato.
  25. camùfo = gala, balza.
  26. cana = canna.
  27. caneļoni = cannelloni.
  28. canestréi = “pettini” (molluschi).
  29. càneva = cantina.
  30. canevasse = canovacci da cucina.
  31. canìl = canile.
  32. canocia = cappalunga.
  33. canón = cannone.
  34. cantonàl = angoliera.
  35. capa = cappa.
  36. capariòļa = capriola.
  37. capèl = cappello.
  38. capeļèr = cappellaio.
  39. capitèl = capitello, cappellina.
  40. capón = cappone.
  41. caponèra = stia.
  42. capusso = cavolo cappuccio.
  43. caramèl = frutta secca caramellata.
  44. carboneļa = carbone minuto di legna dolce.
  45. carèga = sedia.
  46. careghéta = piccola sedia; acconciasedie.
  47. caregón = seggiolone per bambini.
  48. caretèl = caratello, botticella.
  49. caretièr = carrettiere.
  50. caretina = carretta.
  51. caréto = carretto, barroccio.
  52. carga (na -) = carico.
  53. caríòl = tarlo.
  54. cariòļa = carriola.
  55. carioļà = tarlato.
  56. cariòto = carrettiere.
  57. caròba = carruba.
  58. cartolèr = cartolaio.
  59. “cartoļine” = torroncini.
  60. cașada = casata; pan de – = pane casereccio.
  61. cascainpèto = ciondolo.
  62. cașoļin = pizzicagnolo.
  63. cassa = ramaiuolo.
  64. cassadór = cacciatore.
  65. cassafati = faccendiere, intrigante.
  66. cassavìde = cacciavite.
  67. cassèļa = cassetto.
  68. cassiòļa = cazzuola.
  69. castagnèr = castagno.
  70. castagnoļa = dolce di carnevale.
  71. castròn = rammendo mal fatto.
  72. catàr = trovare.
  73. catarinèļa (in -) = mezzo svestito.
  74. catàro = catarro.
  75. cavaļòto = cavallo dei calzoni.
  76. cavàr = togliere.
  77. càvara = capra.
  78. cavassàl = capezzale.
  79. cavastròpoļi = cavatappi.
  80. cavedón = alare.
  81. cavél, cavéļo = capello.
  82. çéna = cena.
  83. çenàr = cenare.
  84. çènare = cenere.
  85. cène = ragazzetto.
  86. cèo = piccolo.
  87. cèrega = chierica.
  88. çesta = cesta.
  89. çestèr = cestaio.
  90. ciacoļa = chiacchiera.
  91. ciacoļàr = chiacchierare.
  92. ciacoļéssi = chiacchiere.
  93. ciacoļón = chiacchierone.
  94. cialto = palchetto.
  95. ciamàr = chiamare.
  96. ciapàr = prendere.
  97. ciapìn = presina.
  1. ciara = albume.
  2. ciarìna (in -) = lieve ebrietà.
  3. ciaro = chiaro; brodoso.
  4. ciassàr = far chiasso.
  5. ciave = chiave.
  6. cìcara = chicchera.
  7. cicìn = cíccia, carne tenera (termine infantile).
  8. çimàda (portarla -) = spuntata.
  9. çimento = cimento, lotta.
  10. cinciarse = agghindarsi.
  11. ciò = (interiez.) di’!
  12. ciòca = chioccia.
  13. cíochèl = ragazzino.
  14. ciòco = ubriaco.
  15. ciodéto = chiodino; fungo.
  16. ciompo = con un braccio rattrappito.
  17. ciòpa = forma doppia di pane.
  18. ciufo = ciuffo.
  19. co’ = con.
  20. cóa = coda.
  21. coàda = covata.
  22. cocàl = gabbiano.
  23. còcio = cocchiere.
  24. cocognèl = crocchia.
  25. cocoļésso = moina.
  26. cocón = cocchiume.
  27. cógoma = cuccuma.
  28. coìn = codino; treccia.
  29. coļana = collana.
  30. coļéto = colletto.
  31. còļo = collo.
  32. colpo = botto.
  33. cólsara = imbottita di piumino d’oca.
  34. coltàr = concimare.
  35. còlto = palchetto.
  36. coltrina = tendina.
  37. comáre = madrina; levatrice.
  38. combàtair = combattere; impicciarsi.
  39. cómio = gomito.
  40. còmoda = seggetta.
  41. compànașego = companatico.
  42. companișar = mangiare la pietanza con il pane.
  43. compare = padrino.
  44. condóto = (scarico di) latrina.
  45. conossente = conoscente.
  46. consàr = condire.
  47. cónso = condito.
  48. contàr = contare; raccontare.
  49. copacani = accalappiacani.
  50. copárse = uccidersi.
  51. cópo = tegola.
  52. córar = correre.
  53. corbàto = cesto, (fig.) una quantità, “un sacco”.
  54. cordèļa = fettuccia.
  55. cordèr = cordaio.
  56. corèto = corretto.
  57. cortèl, cortèlo = coltello.
  58. corteșàn = affabile, cordiale.
  59. cortivo = cortile.
  60. còssa = cosa.
  61. costeșìne = coste di maiale.
  62. costièra (in – del sol) = in pieno sole.
  63. costrussión = costruzione.
  64. còtego = trappola per topi.
  65. còto = cotto.
  66. còtoļa = sottana.
  67. cotoļòn = donnaiolo.
  68. covèrcio = coperchio.
  69. covèrzar = coprire.
  70. covertór = copriletto.
  71. cragno = cranio, testa.
  72. crècola = uccello acquatico; donna minuta.
  73. créssar = crescere.
  74. crivel = crivello.
  75. crocante = croccante.
  76. crògnolo = sasso; bernoccolo.
  77. crompàr = comperare.
  78. croșièra = incrocio, crocicchio.
  79. cróstoli = dolce di carnevale, “cenci”, “crespelli”.
  80. crovèra = ammasso di nuvole.
  81. crùo = crudo.
  82. crup = difterite.
  83. crussiàr = tormentare.
  84. crùssio = tormento.
  85. cucár = rubare, prendere.
  86. cuciaréto = cucchiaino.
  87. cuciàro = cucchiaio.
  88. cuco = cucolo; uomo tonto, sciocco.
  89. cugnà = cognato.
  90. cunicio = coniglio.
  91. curàr = mondare, ripulire.
  92. curàme = cuoio.
  93. curamèļa = coramella.
  94. curto = corto.
  95. cùșar = cucire.
  96. cușìna = cucina.
  97. cussin = cuscino.

È impossibile rendere con i segni dell’alfabeto italiano uno dei suoni più caratteristici e frequenti del dialetto trevigiano, il suono della l intervocalica di gondola, palo, bulo e simili. È un suono affine a quello di una e chiusa e breve che indichiamo convenzionalmente, con una l con un puntino sottoscritto: ļ (góndoļa, paļo, buļo).

Se una delle due vocali che precedono o seguono la l è una e, questo suono quasi si fonde con questa e sembra sparire. Ma capèlo non è capèo e tòle non è tòe.
Abbiamo quindi preferito indicarlo – capèlo e tòle -, lasciando al lettore il compito di farlo sentire nella giusta misura.

Il segno s indica la s sorda, o aspra, di soldá; il segno ș indica invece la s sonora, o dolce, di casa. Questo stesso suono, in omaggio ad una tradizione di scrittura, è indicato pure dal segno z, come in zóvene e zenòcio. Per lo stesso motivo si è conservata la x di xe.

I due accenti – l’acuto e il grave – indicano non soltanto, rispettivamente, il suono chiuso e il suono aperto della e e della o, ma anche l’accento tonico della parola, come negli esempi in questa stessa pagina. Dove questa coincidenza non era possibile, abbiamo preferito non metterli.