1. paca = botta, colpo.
  2. pacioļàr = biascicare.
  3. paciugo = fanghiglia.
  4. paļanca = moneta di rame.
  5. paja = paglia.
  6. pajasso = pagliaccio.
  7. pajèr = pagliaio.
  8. pajéta = paglietta.
  9. pajón = sacco pieno di cartocci di granoturco.
  10. paļéta = paletta.
  11. paļìo (far -) = far digestione.
  12. paļìr = digerire; pagare il fio.
  13. palpón (de) = brancolando.
  14. paltàn = fango, pantano.
  15. paltò = soprabito.
  16. pampalugo = scimunito, pagliaccio.
  17. pampe = sciocco.
  18. panadéļa = pan cotto.
  19. panarisso = patereccio.
  20. pàndar = palesare.
  21. pandoļo = sciocco.
  22. panéto (un) = pagnotta.
  23. panòcia = pannocchia.
  24. pansa = pancia.
  25. pansón = pancione.
  26. pantòco = gioco della campana.
  27. papèļa = pappina.
  28. papìn, papìna = manrovescio.
  29. papussa = pantofola.
  30. par = per.
  31. paraóri (essar sui -) = essere in procinto.
  32. paràr (via) = allontanare; guidare animali da tiro.
  33. parària = per aria, all’aria.
  34. pare = padre.
  35. pareciàr = preparare, apparecchiare.
  36. parégno = patrigno.
  37. parentado, parentò = i parenti, la parentela.
  38. parér = sembrare.
  39. parón = padrone.
  40. parsémoļo = prezzemolo.
  41. parsóra = di sopra, al di sopra.
  42. parsùto = prosciutto.
  43. passadóra = scolapasta.
  44. passàrseļa = spassarsela, divertirsi.
  45. pastissièr = pasticciere.
  46. pasùo = pasciuto, sazio.
  47. patacón = scudo (moneta d’argento).
  48. patachèo = impedimento di stomaco.
  49. patìo = deperito.
  50. patòco = chiaro, manifesto.
  51. patón = manrovescio.
  52. pavéro = stoppino.
  53. peàda = pedata.
  54. peļàda = zucca pelata.
  55. pèca = impronta di piede, orma.
  56. pégola = pece.
  57. peļà = pelato.
  58. peļandrón = persona oziosa, scansafatiche.
  59. peļàr = pelare.
  60. pèļe = pelle.
  61. peļissa = pelliccia.
  62. péļo = pelo.
  63. péna = penna.
  64. penèl = pennello.
  65. penìn = pennino; piedino.
  66. pentìo = pentito.
  67. pèpa (freda) = gatta morta.
  68. pèr = paio.
  69. pèrdar = perdere.
  70. pèrdarse (via) = assopirsi; distrarsi.
  71. pergoļo = poggiolo.
  72. péri = pere; peșàr – = oziare.
  73. persegada = cotognata.
  74. perseghèr = pesco.
  75. pèrsego = pesca.
  76. pertegàr = camminare a grandi passi.
  77. pésse = pesce.
  78. pesséta = pezzetta; métar la so – = voler dire il proprio parere.
  79. petàcio (andar de -) = essere precisi.
  80. petaìsso = appiccicoso.
  81. petàr = appendere.
  82. petàrle = picchiare.
  83. petegoļàr = pettegolare.
  84. petenàr = pettinare.
  85. petenèļa = pettinina; essar ‘na – = essere petulante, pignolo.
  86. petorina = pettorina.
  1. petrùssoļa = donnetta pettegola.
  2. petufarse = picchiarsi.
  3. pévaro = pepe.
  4. pevarón = peperone.
  5. piàjo = persona lamentosa, noiosa.
  6. piaļar = piallare.
  7. piana = pialla.
  8. pianterén = pianterreno.
  9. piànzar = piangere.
  10. piassa = piazza.
  11. piassaròto = monello, ragazzo da strada.
  12. piassér = piacere.
  13. piatèl = piattello.
  14. piato = piatto.
  15. piatoļa = persona noiosa.
  16. piatoļon = seccatore, noioso; lento.
  17. piàvoļa = bambola.
  18. piàvoļo = burattino.
  19. picà = impiccato.
  20. picinìn = piccino.
  21. pìcoļo = piccolo.
  22. picoļón (de) = penzoloni.
  23. pié = piede.
  24. piègora = pecora.
  25. piéta = piega dei calzoni.
  26. pièra = pietra.
  27. pignata = pentola; (fig.) sberla.
  28. pignatèl = pentolino.
  29. pignòl = pinolo.
  30. pimpinèļa = marionetta.
  31. pincio = lembo.
  32. pinsa = pinza.
  33. piòto = tacchino.
  34. pióva = pioggia.
  35. pirón = forchetta.
  36. pissigada = sfregatura.
  37. pissigón = pizzicotto.
  38. pissìn = pipì.
  39. pissìna = pozzanghera.
  40. pistagna = bavero.
  41. pitantón (de) = in ozio.
  42. pitèr = vaso da fiori.
  43. pìtima = pittima.
  44. pito = lippa.
  45. pitòco = pitocco.
  46. pitór = pittore.
  47. piturar = dipingere.
  48. pitùsso = pulcino.
  49. piumìn = piumino d’oca.
  50. poaréto = povero.
  51. poļegàna = persona scaltra che lavora sott’acqua.
  52. pochéti = pochi.
  53. podér = potere.
  54. poļénta = polenta.
  55. poļamariòla = pollivendola.
  56. poļàme = pollame.
  57. poļàstro = pollo.
  58. pòļese = cardine.
  59. pómoļo = pomo del bastone.
  60. pomoļìn = spillo.
  61. ponga = gozzo dei polli; (fig.) farsi il gruzzolo.
  62. ponteșèl = ponticello.
  63. pontìl = lavatoio.
  64. pontìvo = appuntito.
  65. ponto = punto.
  66. porcarìa = porcheria.
  67. pôro = povero (agg.).
  68. porocàn = povero diavolo.
  69. porsèl = maiale.
  70. pòrtego = sottoportico.
  71. pósso = pozzo.
  72. postèma = ascesso dentario.
  73. postièr = postino.
  74. posto (a) = in ordine.
  75. potacio = pasticcio, intruglio.
  76. potacéssi = dolcimi, leccornie.
  77. potación = sbrodolone.
  78. pransàr = pranzare.
  79. prucissión = processione.
  80. puìto = bene (avv.).
  81. puìna = ricotta.
  82. pùļeșe = pulce.
  83. pulièr = puledro.
  84. punèr = pollaio.
  85. putèļo = bambino.
  86. putinòto = pupazzo.
  87. puto = giovane.

È impossibile rendere con i segni dell’alfabeto italiano uno dei suoni più caratteristici e frequenti del dialetto trevigiano, il suono della l intervocalica di gondola, palo, bulo e simili. È un suono affine a quello di una e chiusa e breve che indichiamo convenzionalmente, con una l con un puntino sottoscritto: ļ (góndoļa, paļo, buļo).

Se una delle due vocali che precedono o seguono la l è una e, questo suono quasi si fonde con questa e sembra sparire. Ma capèlo non è capèo e tòle non è tòe.
Abbiamo quindi preferito indicarlo – capèlo e tòle -, lasciando al lettore il compito di farlo sentire nella giusta misura.

Il segno s indica la s sorda, o aspra, di soldá; il segno ș indica invece la s sonora, o dolce, di casa. Questo stesso suono, in omaggio ad una tradizione di scrittura, è indicato pure dal segno z, come in zóvene e zenòcio. Per lo stesso motivo si è conservata la x di xe.

I due accenti – l’acuto e il grave – indicano non soltanto, rispettivamente, il suono chiuso e il suono aperto della e e della o, ma anche l’accento tonico della parola, come negli esempi in questa stessa pagina. Dove questa coincidenza non era possibile, abbiamo preferito non metterli.