I Sequeri

Il Sequeri è una forma di preghiera popolare cristiana, che la tradizione consiglia per recuperare le cose perdute.

San Antonio da Padova

Il nome deriva dalla storpiatura di ‘Si quaeris miracula’…. che non sono altro che le prime parole di un antico canto nel quale viene richiesta una forma di aiuto a San Antonio di Padova (al secolo Fernando Martins de Bulhões, della nobile famiglia dei Buglione, monaco dell’Ordine di San Francesco d’Assisi, nato a Lisbona il 15 agosto 1195 e morto ad Arcella di Capodiponte, nei pressi di Padova, il 13 giugno 1231), protettore tra le altre cose di chi cerca oggetti smarriti. 

Si tratta di un responsorio, canto o antifona in latino che dà origine alla leggenda di San Antonio, specialmente per invocare il ritrovamento degli oggetti smarriti (resque perditas). Il testo è attribuito al beato fra Giuliano da Spira che lo compose nel 1233 come responsorio dell’Officio ritmico (oggi detto “Liturgia delle Ore”) per la festa di San Antonio.

Eccone il testo originale in latino del 1233 con a fianco un adattamento in italiano.

(Testo originale in Latino)

Si quaeris miracula
mors, error, calamitas,
demon, lepra fugiunt,
aegri surgunt sani.

Rit. Cedunt mare, vincula,
membra resque perditas
petunt et accipiunt
juvenes et cani.

Pereunt pericula,
cessat et necessitas,
narrent hi qui sentiunt,
dicant Paduani.

Rit. Cedunt mare, vincula…
Gloria Patri et Filio et Spiritui Sancto…

Rit. Cedunt mare, vincula…

(Versione in Italiano)

Se miracoli tu brami,
fugge error, calamità,
lebbra, morte, spiriti infami
e qualunque infermità.

Rit. Cede il mare e le catene
trova ognun ciò che smarrì
han conforto nelle pene
vecchi e giovani ogni dì.

I perigli avrai lontani,
la miseria sparirà;
ben lo sanno i Padovani,
preghi ognun e proverà!

Rit. Cede il mare e le catene…
Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo…

Rit. Cede il mare e le catene…

La tradizione popolare vuole che tale preghiera vada recitata senza interruzione per tredici volte consecutivamente (da cui il nomignolo “tredicina di San Antonio”) per propiziare il ritrovamento della cosa perduta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.